Come usare la “paura” a tuo vantaggio

Centinaia di articoli dedicati alla Legge dell'Attrazione

Come usare la “paura” a tuo vantaggio

In una recente email personale che ho ricevuto, mi è stata raccontata l’esperienza di una persona che riesce sistematicamente a manifestare le proprie paure: in sostanza, quando teme che qualcosa di non desiderato si realizzi nella propria vita, questo puntualmente accade.

Ne è nata una riflessione sulla continua presenza della Legge di Attrazione nel nostro quotidiano. Anche la paura, infatti, è un’emozione, e possiede caratteristiche particolari e risvolti positivi che avevo evidenziato già tempo fa in quest’altro articolo sul tema. Approfondiamo il discorso utilizzando un approccio diverso: come possiamo sfruttare positivamente la paura per attivare la Legge di Attrazione?

Prima di scoprirlo, è importante ricordarsi che la paura ha un ruolo positivo nella nostra vita, non nasce per caso e non va demonizzata. Questo socialmente non ci viene insegnato, anzi il più delle volte passa il concetto contrario: la paura è da deboli, non bisogna manifestarla, non va dimostrata o altri ne approfitteranno e così via.

Invece, comincia a pensare alla paura come a un segnale che ti dice: stai facendo qualcosa di speciale. Qualcosa di inusuale, di diverso dal solito. E quando fai qualcosa di diverso dal solito, inizi a ottenere risultati diversi da solito! Chi non ha mai paura è semplicemente un individuo che ha smesso di sfidarsi, di osare e quindi di crescere, e probabilmente si annoia perché continua a vivere dentro confini che conosce bene, di cui si fida e dai quali ha già assorbito tutti gli insegnamenti che poteva cogliere.

Accogli la paura! E’ sintomo di crescita e ti dà la possibilità di migliorarti.

Ora, per andare più un profondità nel merito della questione, possiamo chiederci: come sarebbe se avessimo paura di un successo che ci aspetta nel futuro? Se guardassimo a qualcosa che desideriamo, che vogliamo che accada, con la giusta dose di timore? Noti anche tu che, cambiando in questo modo la prospettiva, la paura comincia ad assomigliare alla più confortevole sensazione di curiosità? In fondo, qualsiasi situazione futura ha una certa dose di “ipotesi” in sé: noi possiamo usare la Legge di Attrazione per guidare la nostra vita verso una direzione complessiva che ci piaccia, che rappresenti i nostri desideri e la persona che vogliamo diventare, tenendo in considerazione che la vita stessa ha un certo grado di imprevedibilità che è proprio ciò che deve renderci… curiosi!

In sostanza… chi non usa la Legge di Attrazione volutamente, attraverso un metodo specifico ad esempio, amplia quella zona di imprevedibilità, a tal punto che la sua vita può divenire totalmente casuale (e di questo sì, avrei paura anche io ?), mentre quando la utilizzi coscientemente riesci a dare una direzione ben stabilita agli eventi e ad attrarre quanto desideri, lasciando poi che sia una piccola variabile a modificare – in modo non sostanziale e quindi accettabile – il risultato finale.

Questo è esattamente il tipo di paura che ti invito a coltivare: quella che scaturisce dalla domanda “Quanto bene le cose possono andare? E se fosse persino troppo per me?” Domanda da porsi con il sorriso e con libertà, lasciando che quel piccolo timore sia uno strumento che ti permette di distaccarti emotivamente dall’evento voluto, permettendogli così di manifestarsi nella tua vita.

Se vuoi contribuire con la tua esperienza o aggiungere la tua idea, il tuo commento è benvenuto!

 

 

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

One Response

  1. Cristina ha detto:

    Molto interessante!! Grazie ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *